Basi della degustazione

Temperatura di servizio

Esistono semplici regole generali seguendo le quali difficilmente si commetteranno errori grossolani. I vini bianchi si bevono freschi (6-10°C), mentre i vini rossi si bevono a temperatura ambiente (16-20°C). Per i rosati va scelta una via di mezzo (10-16°C).Occorre inoltre distinguere tra vini spumanti e vini fermi: per i primi si predilige una temperatura più bassa rispetto ai secondi. Più il vino è corposo, più alta è la temperatura di servizio: un vino bianco di grande corpo e struttura non va bevuto freddo, ma solo rinfrescato.

La scelta del bicchiere

Per apprezzare un buon vino, la scelta del bicchiere è fondamentale. Un buon bicchiere deve favorire la decantazione del vino e la concentrazione degli odori. Pertanto avrà generalmente una forma allargata nella parte bassa, restringendosi verso l’imboccatura. E’ preferibile vetro sottile o cristallo privi di colorazione, per consentire un migliore esame visivo del contenuto.La forma ideale varia a seconda del tipo di vino:

  • TULIPANO: bianchi leggeri
  • RENANO: bianchi strutturati
  • BALLON PICCOLO: rossi non corposi
  • BORGOGNA: rossi corposi
  • GRAND BALLON: rossi corposi invecchiati
  • FLÛTE: spumanti secchi
  • COPPA: spumanti dolci

Tratto da:

https://www.principedicorleone.it/conoscere-il-vino.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *